martedì 10 maggio 2016

Insediamenti umani scoperti in Antartide dalla NASA.

Una recente missione di telerilevamento svolta dalla NASA chiamata "Operazione IceBridge" ha portato ad una scoperta affascinante e inaspettata.
 
Le immagini hanno rivelato quello che alcuni esperti ritengono possa essere un antico insediamento umano che si trova attualmente sotto 2,3 chilometri di ghiaccio.

La sensazionale scoperta è stata fatta durante le prove di collaudo aereo dei  topografici Laser Altimeter System (ATLAS), Cloud e Land Elevation Satellite-2 (ICESat- 2), che saranno utilizzati per monitorare i cambiamenti nel ghiaccio polare nei prossimi anni.

La sconcertante scoperta è stata fatta a seguito di un certo numero di voli di prova eseguiti da un aereo della NASA munito della tecnologia Lidar che si avvale di un sistema laser destinato ad essere montato sul satellite ICESat-2 che sarà inviato nello spazio nel 2017.  L'obiettivo di questo sistema è quello di misurare le variazioni del ghiaccio polare.
 
 
 
 
"C'è ben poco margine di errore quando si tratta di analizzare le singole foto di fotoni che colpiscono le singole fibre ottiche. È per questo motivo che siamo rimasti sorpresi quando abbiamo notato queste anomale caratteristiche rilevate sotto i ghiacci antartici documentate da alcune immagini ottenute dal sistema lidar ", ha affermato Nathan Borowitz, scienziato e archeologo del Projet IceBridge del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. "Il lancio del satellite ICESat-2 previsto per il 2017 probabilmente ci porterà ad altre grandi scoperte e a una migliore comprensione degli aspetti geomorfologici dell'Antartide", ha aggiunto il ricercatore . 
 
Anche se lo scienziato della NASA, Nathan Borrowitz ritiene che queste immagini agli infrarossi sono molto interessanti mentre altri esperti sostengono di aver ottenuto la prova definitiva dell'esistenza di una antica civiltà umana i cui resti si nasconderebbero tuttora sotto i ghiacci antartici .

Fonte: Rafapal

domenica 29 novembre 2015

La fisica quantistica dimostra che la vita continua dopo la morte

Nell'epoca contemporanea, intrisa di scientismo e materialismo, la maggior parte degli scienziati ritiene che il concetto di vita ultraterrena o è una sciocchezza, oppure, se realmente esistesse, è completamente indimostrabile. Eppure, un ricercatore afferma che la fisica quantistica è in grado di fornire prove certe dell'esistenza dell'aldilà.

Perchè la morte fa così paura? Certamente perchè è l’oblio a sconvolgere la nostra coscienza e a smuovere la paura primordiale della morte.
L’uomo vuole vivere, sente se stesso come un essere fatto per la vita e il rischio di essere consegnato al non-essere perpetuo è fonte di una profonda angoscia esistenziale.
Se da una parte le religioni, sapienze antiche, prospettano la certa continuazione della vita nell’aldilà, fornendo una straordinaria mitigazione della paura della morte e un sostanziale significato alla vita del credente, la società contemporanea tende ad esorcizzare la paura della morte o cancellandola dall’esperienza quotidiana, evitando di parlarne o di pensarvi, oppure spettacolarizzandola in fiction televisive e cinematografiche nelle quali l’eroe di turno causa la morte dei nemici come se fossero mosche.
Da qualche tempo, però, ad interessarsi al fenomeno della morte e della sua possibile funzione come passaggio verso un nuovo stato di vita c’è anche la scienza, in particolare quella disciplina definita come ‘fisica quantistica‘, una branca della fisica che studia il comportamento delle particelle a livello atomico e subatomico.
Tra i ricercatori più appassionati della questione vi è il professor Robert Lanza, direttore scientifico presso l’Advanced Cell Technology e professore aggiunto presso la Wake Forest University School of Medicine.
Come ricercatore ha pubblicato centinaia di articoli scientifici e numerose invenzioni e ha scritto, fino ad ora, più di 30 libri, tra i quali “Principles of Tissue Engineering” (Principi di ingegneria dei tessuti) e “Essentials of Stem Cell Biology” (Fondamenti di biologia delle cellule staminali), due pubblicazioni che sono riconosciute come riferimenti definitivi in campo scientifico.
Lanza sostiene la teoria del Biocentrismo, secondo la quale la morte come noi la conosciamo non sarebbe altro che un’illusione generata dalla nostra coscienza. “Ci hanno insegnato a pensare che la vita sia solo l’attività generata dalla combinazione del carbonio e di una miscela di molecole, che vivremo per un certo tempo e che poi finiremo per marcire sottoterra”, scrive Lanza sul suo sito web. “In effetti, noi crediamo nella morte perchè ci è stato insegnato che moriremo, o più specificamente, ci hanno insegnato che la nostra coscienza è un fenomeno associato al nostro organismo e che questa morirò con esso”.
La sua Teoria del Biocentrismo, però, afferma che la morte non può essere l’evento terminale che pensiamo che sia. Il Biocentrismo si attesta come la teoria del tutto e mette la vita al centro e all’essenza dell’attività dell’Universo. Lanza spiega che la vita e la biologia sono il centro dell’esistenza. Anzi, è la vita stessa a creare l’Universo e non il contrario.
Ciò significa che è la coscienza della persona a determinare la forma e la dimensione degli oggetti nell’Universo. La filosofia realista di provenienza greca ha sempre affermato che la realtà esiste di per sé, a prescindere dall’esistenza dell’osservatore.
La fisica quantistica, invece, ha scoperto che l’osservatore è determinante nella formazione della realtà. In effetti, la realtà che noi percepiamo con i nostri sensi è l’incontro tra il ‘funzionamento di base dell’Universo’, che potenzialmente può assumere infinite forme, e la ‘presenza dell’osservatore’, che ne determina con la sua coscienza la forma.
Praticamente, la realtà è come la pensiamo! Lanza fa un esempio sul modo in cui percepiamo la realtà intorno a noi: una persona percepisce il cielo come di un certo colore, e gli viene insegnato che quel colore si chiama ‘blu’. Ma le cellule del cervello di un’altra persona potrebbero percepire un colore diverso, che chiamerebbe sempre blu, ma che potrebbe corrispondere al mio ‘verde’.
Lanza pone questo postulato alla base della sua teoria: tutto ciò che percepisci del mondo non può esistere senza la tua coscienza: la nostra coscienza è alla base della realtà. Ponendo questo postulato nell’osservazione più generale dell’Universo, significa che lo spazio e il tempo non si comportano in maniera ‘dura’ e ‘veloce’ come ci sembra di percepire. In sintesi, essi non esistono di per sé fuori di noi, ma sono un prodotto della nostra coscienza!







  
L’esperimento della doppia fenditura

Nella presentazione della sua teoria biocentrica, Lanza ha citato il famoso esperimento della doppia fenditura, a fondamento delle sue affermazioni. L’esperimento ha mostrato che quando un osservatore guarda passare una particella attraverso due fenditure poste in una barriera, la particella si comporta come un proiettile, passando attraverso una delle due fenditure. Tuttavia, se l’osservatore smette di guardare la particella, questa inizia a comportarsi come un’onda, riuscendo a passare attraverso entrambe le fenditure nello stesso tempo.

Questo significa che la materia e l’energia possono presentare le caratteristiche sia delle onde che delle particelle e che il loro comportamento dipende dalla percezione e dalla coscienza di un osservatore.



La fisica quantistica sembra confermare le teorie dei filosofi idealisti, i quali hanno sempre pensato che la realtà fosse un prodotto della mente dell’uomo. Una volta che spazio e tempo vengono accettati come costrutti della nostra mente, significa che la morte, e l’idea di mortalità, sono anch’esse un fenomeno legato all’esperienza sensoriale della nostra coscienza. Con la morte del nostro organismo, la nostra coscienza entra in una condizione dove non esistono pi confini spaziali e temporali: l’eternità!
Secondo Lanza, la vita è un’avventura che trascende il nostro modo ordinario di pensare. Quando moriamo, non entriamo nel mondo caotico del non-essere, ma torniamo alla matrice fondamentale dell’Universo: “con la morte, la nostra vita diventa un fiore perenne che torna a vivere nel multiverso”, il luogo delle possibilità infinite. Se non sapessimo che si tratta di uno scienziato, penseremmo di ascoltare un uomo di religione.



L’anima come struttura fondamentale dell’Universo

 

Ma Robert Lanza non è l’unico scienziato a ritenere che la fisica quantistica giustifichi l’esistenza della vita eterna. Un medico americano, il dottor Stuart Hameroff, e un fisico quantistico inglese di fama mondiale, Sir Roger Penrose, hanno sviluppato una teoria che potrebbe dimostrare definitivamente l’esistenza dell’anima. 

Secondo la Teoria Quantistica della Coscienza elaborata dai due scienziati, le nostre anime sarebbero inserite in microstrutture chiamate “microtubuli”, contenute all’interno delle nostre cellule cerebrali.

La loro idea nasce dal considerare il nostro cervello come una sorta di “computer biologico”, equipaggiato con una rete di informazione sinaptica composta da più di 100 miliardi di neuroni . Essi sostengono che la nostra esperienza di coscienza è il risultato dell’interazione tra le informazioni quantiche e i microtubuli, un processo che i due hanno definito “Orch-OR” (Orchestrated Objective Reduction). Con la morte corporea i microtubuli perdono il loro stato quantico, ma le informazioni in essi contenute non vengono distrutte.
In parole povere, la coscienza non muore, ma torna alla sua sorgente. “Quando il cuore smette di battere e il sangue non scorre più, i microtubuli smettono di funzionare perdendo il loro stato quantico”, spiega il dottor Hameroff, professore emerito presso il Dipartimento di Anestesiologia e Psicologia e direttore del Centro di Studi sulla Coscienza presso l’Università dell’Arizona.
“L’informazione quantistica contenuta nei microtubuli non è distrutta, non può essere distrutta, ma viene riconsegnata al cosmo. Quando un paziente torna a vivere dopo una breve esperienza di morte, l’informazione quantistica torna a legarsi ai microtubuli, facendo sperimentare alla persona i famosi casi di premorte”.
La grande portata di questa teoria è evidente: la coscienza umana, così intesa, non è il semplice prodotto che emerge da un processo biologico, né si esaurisce nell’interazione tra i neuroni del nostro cervello, ma è un informazione quantistica in grado di esistere al di fuori del corpo a tempo indeterminato.
Certamente la prospettiva è entusiasmante, dato che queste teorie sono in grado di dare un senso alla morte. Ma la domanda che sorge conseguentemente allora è questa: qual è lo scopo dell’esperienza che facciamo nello spazio e nel tempo qui sulla Terra?


Fonte:
http://www.ilnavigatorecurioso.it/




giovedì 1 ottobre 2015

Come l'Occidente ha devastato l'Afghanistan


Ogni volta che muore un soldato italiano in Afghanistan ci chiediamo «Che cosa ci stiamo a fare lì?». Ma c'è un'altra domanda da farsi: cosa abbiamo fatto in Afghanistan e all'Afghanistan?

1) Dismesse le pelose giustificazioni che siamo in Afghanistan per regalare le caramelle ai bambini, per "ricostruire quel disgraziato Paese", per imporre alle donne di liberarsi del burqua, perché, con tutta evidenza, quella in Afghanistan, dopo dieci anni di occupazione violenta, non può essere gabellata per un'operazione di "peace keeping", ma è una guerra agli afgani, l'unica motivazione rimasta agli Stati Uniti e ai loro alleati occidentali, per legittimare il massacro agli occhi delle proprie opinioni pubbliche e anche a quelli dei propri soldati, demotivati perché a loro volta non capiscono «che cosa ci stiamo a fare quì», è che noi in Afghanistan ci battiamo "per la nostra sicurezza" per contrastare il "terrorismo internazionale".

È una menzogna colossale. Gli afgani, e quindi anche i talebani, non sono mai stati terroristi. Non c'era un solo afgano nei commando che abbatterono le Torri gemelle. Non un solo afgano è stato trovato nelle cellule, vere o presunte, di Al Quaeda. Nei dieci, durissimi, anni di conflitto contro gli invasori sovietici non c'è stato un solo atto di terrorismo, tanto meno kamikaze, né dentro né fuori il Paese. E se dal 2006, dopo cinque anni di occupazione si sono decisi ad adottare contro gli invasori anche metodi terroristici (dopo un aspro dibattito al loro interno: il leader, il Mullah Omar, era contrario perché questi atti hanno delle inevitabili ricadute sui civili e nulla può convenire meno ai Talebani che alienarsi la simpatia e la collaborazione della popolazione sul cui appoggio si sostengono) è perché mentre i sovietici avevano almeno la decenza di stare sul campo, gli occidentali combattono quasi esclusivamente con i bombardieri, spesso Dardo e Predator senza equipaggio, ma armati di missili micidiali e comandati da Nells nel Nevada o da un'area "top secret" della Gran Bretagna. Contro un nemico invisibile che cosa resta a una resistenza? Nei rari casi in cui il nemico si fa visibile i Talebani, nonostante l'incomparabile inferiorità negli armamenti, lo affrontano con classiche azioni di guerriglia com'è stata quella che è costata la vita ai quattro soldati italiani. Azione definita "vigliacca" dal ministro La Russa. Chi è vigliacco? Chi ci mette il proprio corpo e il proprio coraggio o chi stando fuori portata schiaccia un bottone e lancia un missile e uccide donne, vecchi, bambini, com'è avvenuto mille volte in questi anni ad opera soprattutto degli americani ma anche, quando è il caso, degli altri contingenti?

Nel 2001 in Afghanistan c'era Bin Laden che, con l'appoggio degli americani, si era introdotto nel Paese anni prima in funzione antisovietica. Ma Bin Laden costituiva un problema anche per il governo talebano, tanto è vero che quando ne 1990 Bill Clinton propose ai Talebani di farlo fuori, il Mullah Omar, attraverso il suo numero due Waatki inviato appositamente a Washington dove incontrò due volte il presidente americano, si disse d'accordo purché la responsabilità dell'assassinio del Califfo saudita se la prendessero gli americani perché Osama godeva di una vasta popolarità nel Paese avendo fatto costruire con i suoi soldi, ospedali, strade, ponti, infrastrutture, avendo fatto cioè quello che noi abbiamo detto che volevamo fare e non abbiamo fatto.

Ma Clinton, nonostante fosse stato il promotore dell'iniziativa, all'ultimo momento si tirò indietro. Tutto ciò risulta da un documento del Dipartimento di Stato americano dell'agosto 2005.

Comunque sia oggi Bin Laden non c'è più e in Afghanistan non ci sono più nemmeno i suoi uomini. La Cia, circa un anno fa, ha calcolato che su 50 mila guerriglieri solo 359 sono stranieri. Ma sono ubzechi, ceceni, turchi, cioè non arabi, non waabiti, non appartenenti a quella Jihan internazionale che odia gli americani, gli occidentali, gli "infedeli" e vuole vederli scomparire dalla faccia della terra. Agli afgani, e quindi ai Talebani, interessa solo il loro Paese. Il Mullah Omar, come scrive Jonathan Steel, inviato ed editorialista del Guardian nella sua approfondita inchiesta "La terra dei taliban" più che un leader religioso è un leader politico e militare. A lui (come ai suoi uomini) interessa solo liberare la propria terra dagli occupanti stranieri così come aveva già fatto combattendo, giovanissimo, contro i sovietici, rimediando la perdita di un occhio e quattro gravi ferite. E sarà pur lecito a un popolo o a una parte di esso esercitare il legittimo diritto di resistere ad un'occupazione straniera, comunque motivata. L'Afghanistan, nella sua storia, non ha mai aggredito nessuno (caso mai è stato aggredito: dagli inglesi, dai sovietici e oggi dagli occidentali) e armato rudimentalmente com'è non può costituire un pericolo per nessuno.

2) Per avere un'idea delle devastazioni di cui siamo responsabili in Afghanistan bisogna capire perché i Talebani vi si sono affermati agli inizi degli anni Novanta. Sconfitti i sovietici i leggendari comandanti militari che li avevano combattuti (i "signori della guerra"); gli Ismail Khan, i Pacha Khan, gli Heckmatjar, i Dostum, i Massud, diedero vita a una feroce guerra civile e, per armare le loro milizie, si trasformarono con i loro uomini in bande di taglieggiatori, di borseggiatori, di assassini, di stupratori che agivano nel più pieno arbitrio e vessavano in ogni modo la popolazione (un camionista, per fare un esempio, per attraversare l'Afghanistan doveva subire almeno venti taglieggiamenti). I Talebani furono la reazione a questo stato di cose. Con l'appoggio della popolazione che non ne poteva più, sconfissero i "signori della guerra", li cacciarono dal Paese e riportarono l'ordine e la legge nel Paese. Sia pur un duro ordine e una dura legge, quella coranica, che comunque non è estranea alla cultura e alla tradizione di quella gente come invece lo è per noi. In ogni caso la popolazione afgana dimostrò di preferire quell'ordine e quella legge al disordine e agli arbitri di prima.

a) Nell'Afghanistan talebano c'era sicurezza. Vi si poteva viaggiare tranquillamente anche di notte come mi ha raccontato Gino Strada che vi ha vissuto e vi ha potuto operare con i suoi ospedali anche se doveva continuamente contrattare con la sessuofobia dei dirigenti talebani che pretendevano una rigida separazione dei reparti a volte impossibile (medici e infermieri donne per i reparti femminili). Gli occidentali gli ospedali li chiudono come è avvenuto a Laskar Gah.

b) In quell'Afghanistan non c'era corruzione. per la semplice ragione che la spiccia ma efficace giustizia talebana tagliava le mani ai corrotti e, nei casi più gravi, anche un piede. Per la stessa ragione non c'erano stupratori. La carriera di leader del Mullah Omar comincia proprio da qui. Una banda aveva rapito due ragazze nel suo piccolo villaggio, Zadeh, a una ventina di chilometri da Kandahar, e le aveva portate in un posto sicuro per farne carne di porco. Omar, a capo di altri "enfants de pays", raggiunse il luogo, liberò le ragaze, sconfisse i banditi e ne fece impiccare il boss all'albero della piazza del Paese). Ancora oggi, nella vastissima realtà rurale dell'Afghanistan, la gente, per avere giustizia, preferisce rivolgersi ai Talebani piuttosto che alla corrotta magistratura del Quisling Karzai dove basta pagare per avere una sentenza favorevole.

c) Nel 1998 e nel 1999 il Mullah Omar aveva proposto alle Nazioni Unite il blocco della coltivazione del papavero, da cui si ricava l'oppio, in cambio del riconoscimento internazionale del suo governo. Nonostante quella di boicottare la coltivazione del papavero fosse un'annosa richiesta dell'Agenzia contro il narcotraffico dell'Onu la risposta, sotto la pressione degli Stati Uniti, fu negativa. All'inizio del 2001 il Mullah Omar prese autonomamente la decisione di bloccare la coltivazione del papavero. Decisione difficilissima non solo perché su questa coltivazione vivevano moltissimi contadini afgani, a cui andava peraltro un misero 1% del ricavato totale, ma perché il traffico di stupefacenti serviva anche al governo talebano per comprare grano dal Pakistan. Ma per Omar il Corano, che vieta la produzione e il consumo di stupefacenti, era più importante dell'economia. Aveva l'autorità e il prestigio per prendere una decisione del genere. Una decisione così efficace che la produzione dell'oppio crollò quasi a zero (si veda il prospetto del Corriere della Sera 17/6/2006). Insomma il talebanismo era la soluzione che gli afgani avevano trovato per i propri problemi. Se poi, alla lunga, non gli fosse andata più bene avrebbero rovesciato il governo del Mullah Omar perchè in Afghanistan non c'è uomo che non possieda un kalashnikov. Noi abbiamo preteso, con un totalitarismo culturale che fa venire i brividi (per non parlare degli interessi economici) di sostituire a una storia afgana la storia, i costumi, i valori, le istituzioni occidentali. Con i seguenti risultati:

Sono incalcolabili le vittime civili provocate, direttamente o indirettamente dalla presenza delle truppe occidentali. Le stime dell'Onu non sono credibili perchè una recente inchiesta ha rilevato che in almeno 143 casi i comandi alleati hanno nascosto gli "effetti collaterali" provocati dai bombardamenti indiscriminati sui villaggi. Vorrei anche rammentare, in queste ore di pianto per i nostri caduti, che anche gli afgani e persino i guerriglieri talebani hanno madri, padri, mogli e figli che non sono diversi dai nostri. Inoltre in Afghanistan sono tornati a spadroneggiare i "signori della guerra" alcuni dei quali, i peggiori come Dostum, un vero pendaglio da forca, sono nel governo del Quisling Karzai.

La corruzione, nel governo, nell'esercito, nella polizia, nelle autorità amministrative è endemica. Ha detto Ashrae Ghani, un medico, terzo candidato alle elezioni farsa di agosto, il più occidentale di tutti e quindi al di sopra di ongi sospetto: «Nel 2001 eravamo poveri ma avevamo una nostro moralità. Questo profluvio di dollari che si è riversato sull'Afghanistan ha distrutto la nostra integrità e ci ha reso diffidenti gli uni verso gli altri».

Infine oggi l'Afghanistan "liberato" produce il 93% dell'oppio mondiale.

Ma c'è di peggio. Armando e addestrando l'esercito e la polizia del governo fantoccio di Karzai noi abbiamo posto le premesse, quando le truppe occidentali se ne saranno andate, per una nuova guerra civile, per "una afganizzazione del conflitto" come si dice mascherando, con suprema ipocrisia, la realtà dietro le parole. La sola speranza è che il buon senso degli afgani prevalga. Qualche segnale c'è. Ha detto Shukri Barakazai, una parlamentare che si batte per i diritti delle donne afgane: «I talebani sono nostri connazionali. Hanno idee diverse dalle nostre, ma se siamo democratici dobbiamo accettarle». Da un anno, in Arabia Saudita sotto il patrocinio del principe Abdullah, sono in corso colloqui non poi tanto segreti fra emissari del Mullah Omar e del governo Karzai. Ma prima di iniziare una seria trattativa ufficiale Omar, di fatto vincitore sul campo, pretende che tutte le truppe straniere sloggino. Non ha impiegato trenta dei suoi 48 anni di vita a combattere per vedersi imporre una "soluzione americana". E, come ha detto giustamente il comandante delle truppe sovietiche che occuparono l'Afghanistan: «Bisogna lasciare che gli afgani sbaglino da soli». Bisogna cioè rispettare il principio, solennemente sancito a Helsinki nel 1975 e sottoscritto da quasi tutti gli Stati del mondo, dell'autodeterminazione dei popoli.

E allora perché rimaniamo in Afghanistan e anzi il ministro della Difesa Ignazio La Russa, un ripugnante prototipo dell' "armiamoci e partite", vuole dotare i nostri aerei di bombe? Lo ha spiegato, senza vergognarsi, Sergio Romano sul Corriere del 10 ottobre: perché la lealtà all' "amico americano" ci darà un prestigio che potremo sfruttare nei confronti degli altri Paesi occidentali. Gli olandesi e i canadesi se ne sono già andati, stufi di farsi ammazzare e di ammazzare, per questioni di prestigio. Gli spagnoli, che hanno affermato che nulla gli interessa di meno, che portare la democrazia in Afghanistan, se ne andranno fra poco. Rimaniamo noi, sleali, perché fino a poco tempo fa abbiamo pagato i Talebani perché ci lasciassero in pace, ma fedeli come solo i cani lo sono. Gli Stati Uniti spendono 100 miliardi di dollari l'anno per questa guerra insensata, ingiusta e vigliacchissima (robot contro uomini). L'Italia spende 68 milioni di euro al mese, circa 800 milioni l'anno. Denaro che potrebbe essere utilizzato per risolvere molte situazioni, fra cui quelle di disoccupazione o di sottoccupazione di alcune regioni da cui partono molti dei nostri ragazzi per guadagnare qualche dollaro in più e farsi ammazzare e ammazzare senza sapere nemmeno perché.
* Testo integrale dell'articolo pubblicato sul Fatto il 12 ottobre 2010 e ridotto per ragioni di spazio

mercoledì 29 aprile 2015

L'omeopatia? Solo un placebo in grado di attivare le nostre capacità nascoste

Il National Health and Medical Research Council, il massimo organismo australiano per la ricerca medica, pubblica un'accurata ricerca con cui boccia, senza appello, l’omeopatia. Perentoria la relazione recita: «Non esiste malattia per cui vi sia una prova attendibile dell’efficacia dell’omeopatia. Non c’è ragione fondata per dire che funzioni meglio di una pillola di zucchero», ovvero il placebo in senso medico. E quindi la ricerca conclude: «Le persone che vi si affidano possono mettere a rischio la propria salute, rifiutando o ritardando trattamenti per i quali esista una buona evidenza di efficacia e sicurezza».

Qualcuno penserà: ecco un altro modo per arricchire "Big Pharma" spingendo verso le medicine tradizionali anche chi, allo stato attuale, cerca di coniugare la propria salute con il desiderio di introdurre meno "chimica artificiale" possibile nel proprio corpo. Io la vedrei in un altro modo: non fatevi abbindolare, l'omeopatia serve solo ad arricchire altre case farmaceutiche, alternative ma sempre più potenti. Altra riflessione è opportuna sul fatto che poi, in effetti, su molti la medicina omeopatica ha effetto per davvero. Effetto placebo, dicono gli australiani, ma la "forza" per guarire con uno "zuccherino" da dove arriva?
 
 


Come è stata condotta la ricerca australiana
La ricerca, destinata a sollevare sicure polemiche, è stata fatta conducendo un’indagine su 225 pubblicazioni in tema di omeopatia. Il responso è stato diffuso dopo essere stato rivisto da una società indipendente e ripreso dai principali media internazionali.

Secondo gli autori del rapporto, gli studi dai quali emerge l’efficacia dell’omeopatia sono lavori di scarsa qualità scientifica, con gravi carenze nel modo in cui sono stati disegnati e senza un numero sufficiente di partecipanti. L’analisi degli esperti australiani ha riguardato anche 57 revisioni sistematiche: studi che analizzano le ricerche di qualità disponibili su una determinata materia, per arrivare a una conclusione di sintesi. 

Paul Glasziou, presidente del Nhmrc Homeopathy Working Committee, mette le mani avanti: «Ci saranno persone convinte che tutto questo sia un complotto dell’establishment» per favorire altri interessi a discapito dell’omeopatia, «ma speriamo vi siano anche molte persone ragionevoli che possano riconsiderare la vendita, l’utilizzo e la distribuzione di questi prodotti».

La prima replica dall’Australia
Puntuale la replica, per ora unica, dell’Associazione australiana di omeopatia (Aha), che fa notare come «milioni di cittadini» del Paese facciano ricorso a questi rimedi. L’Aha raccomanda inoltre al Nhmrc di «adottare un approccio più complessivo nell’analisi dell’efficacia dell’omeopatia. Un metodo in cui si consideri una valutazione economica di larga scala sui benefici di un sistema più integrato, che rispetta e sostiene la scelta dei pazienti nel decidere per la propria salute».

Per qualcuno, alla fine, potrebbero avere ragione tutti, ma voi sareste disposti a pagare 20 euro per una confezione di zuccherini?

lunedì 28 luglio 2014

Illuminati, nazisti e lo Stato illegale di Israele



Se vogliamo porre fine al conflitto israelo/palestinese, dobbiamo sapere chi ha creato Israele e perché. Nel 1917, il ministro degli esteri britannico Arthur Balfour scrisse una lettera al sionista Lord Lionel Walter Rothschild, in cui esprimeva il proprio sostegno a una patria ebraica in Palestina, in Medio Oriente. Questa Dichiarazione Balfour giustificò il brutale sequestro delle terre palestinesi per la fondazione di Israele dopo la seconda guerra mondiale. Israele sarebbe servito non come alcuni pensano come “patria ebraica”, ma come asse centrale per il controllo sulla fornitura di petrolio mondiale da parte dei Rothschild/Otto Famiglie. Il barone Edmond de Rothschild costruì il primo oleodotto dal Mar Rosso al Mediterraneo per trasportare il petrolio iraniano della BP in Israele. Creò la Banca Generale israeliana e la Paz Oil, ed è considerato il padre dela moderno Israele.
I Rothschild sono il clan più ricco del pianeta, con un patrimonio stimato di 100.000 miliardi di dollari. Controllano Royal Dutch/Shell, BP, Anglo-American, BHP Billiton, Rio Tinto, Bank of America e decine di altre multinazionali e banche. Sono i maggiori azionisti della Banca d’Inghilterra, della Federal Reserve e della maggior parte di ogni banca centrale privata nel Mondo. Avevano bisogno di una presenza in Medio Oriente per proteggere le loro nuove concessioni petrolifere, che acquistarono tramite la facciata dei Quattro Cavalieri, come il Consorzio iraniano, la Iraqi Petroleum Company e l’Aramco saudita. Shell e BP dei Rothschild formarono questi cartelli con la metà dei Rockefeller dei Quattro Cavalieri, Exxon-Mobil e Chevron-Texaco. Questa nuova alleanza necessitava della “relazione speciale” tra la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, che esiste ancora oggi. I Rothschild e gli altri ricchi azionisti europei avrebbero potuto ora utilizzare l’esercito degli Stati Uniti come forza mercenaria, schierata per proteggere i loro interessi petroliferi, ma pagata dai contribuenti statunitensi. Israele avrebbe lo stesso scopo, vista la sua stretta vicinanza ai giacimenti petroliferi. Il Mossad israeliano è meno un servizio segreto nazionale che una forza di sicurezza delle famiglie Rothschild/Rockefeller.






I Rothschild esercitano il controllo politico attraverso la segreta Business Roundtable, che crearono nel 1909 con l’aiuto di Lord Alfred Milner e Cecil Rhodes, e la cui borsa di studio Rhodes viene concessa dalla Cambridge University, che tramite la Cambridge Energy Research Associates, opera come propagandista dell’industria petrolifera. Rodhes fondò la De Beers e la Standard Chartered Bank. La tavola rotonda (Roundtable) prende il nome dai leggendari cavalieri di Re Artù, la cui storia del Santo Graal simbolizzerebbe l’idea che gli Illuminati delle Otto Famiglie siano in possesso del Sangreal o sangue santo, una giustificazione per il loro predominio sui popoli e le risorse del pianeta. Secondo l’ex ufficiale dell’intelligence britannico John Coleman, che ha scritto ‘Il Comitato dei 300′, “gli aderenti alla tavola rotonda sono dotati di un’immensa ricchezza in oro, diamanti e monopolio della droga che spargono in tutto il mondo, per poter prendere il controllo delle politiche fiscali e monetarie, e della leadership politica in tutti i paesi in cui operano.” Rhodes e Oppenheimer si recarono in Sud Africa per lanciare il conglomerato anglo-statunitense. Kuhn and Loeb risultò dalla ricolonizzazione dell’America da parte di Morgan e Rockefeller. Rudyard Kipling fu inviato in India. Schiff e Warburg si occuparono della Russia. Rothschild, Lazard e Israel Moses Seif si spinsero in Medio Oriente. A Princeton, la tavola rotonda fondò l’Institute for Advanced Study (IAS), partner per il suo All Souls College di Oxford. L’IAS è  finanziata dal General Education Board della Rockefeller. I membri della IAS Robert Oppenheimer, Niels Bohr e Albert Einstein crearono la bomba atomica.
Nel 1919 la Business Roundtable dei Rothschild creò il Royal Institute of International Affairs (RIIA) di Londra. La RIIA sponsorizza organizzazioni associate in tutto il mondo, tra cui il Council on Foreign Relations. La RIIA è un ente di beneficenza registrato presso la regina e, secondo le sue relazioni annuali, è finanziato in gran parte dai Quattro Cavalieri. L’ex ministro degli esteri britannico e co-fondatore della Kissinger Associates, Lord Carrington, è presidente sia della RIIA che del Bilderberg. La cerchia interna della RIIA è dominato dai Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme, dai Cavalieri di Malta, Cavalieri Templari e dal 33° grado della massoneria di rito scozzese. I Cavalieri di San Giovanni furono fondati nel 1070 e rispondono direttamente alla Camera dei Windsor. La loro linea di sangue principale è la dinastia Villiers, che sposò una Matheson di Hong Kong, della famiglia dei proprietari della banca di riciclaggio dei proventi dell’oppio HSBC. Anche la famiglia Lytton è legata alla banda Villiers. Il colonnello Edward Bulwer-Lytton aveva diretto la società segreta dei Rosacroce inglesi, che Shakespeare aveva ridenominato Rosencranz, mentre i massoni sono rappresentati da Guildenstern. Lytton è il padre spirituale sia della RIIA che del nazifascismo. Nel 1871 scrisse un romanzo intitolato, Vril: Il potere della razza futura. Settanta anni dopo, la Società Vril fu ampiamente menzionata da Adolf Hitler nel Mein Kampf. Il figlio di Lytton divenne viceré dell’India nel 1876, poco prima che la produzione di oppio schizzasse verso l’alto in quel paese. Il suo buon amico Rudyard Kipling introdusse la svastica in India e in seguito lavorò con Lord Beaverbrook come Ministro della Propaganda, accanto a Sir Charles Hambro della dinastia bancaria degli Hambro.
I membri della Tavola Rotonda aderivano a un culto dionisiaco noto come ‘figli del sole’. Tra gli iniziati vi erano Aldous Huxley, TS Eliot, DH Lawrence e HG Wells. Wells fu capo dell’intelligence britannica durante la prima guerra mondiale. I suoi libri parlano di un “cervello del Mondo unico” e “di una polizia della mente“. William Butler Yeats, un altro membro del culto del Sole, era un amico di Aleister Crowley. I due crearono un culto di Iside sulla base di un manoscritto della Blavatsky, che invitava l’aristocrazia britannica ad organizzarsi come sacerdozio ariano. La Società Teosofica della Blavatsky e i Rosacroce di Bulwer-Lytton unirono le forze per fondare la Società Thule, da cui emersero i nazisti. Rothschild, Rockefeller e il resto dei banchieri Illuminati sostennero i nazisti. Max e Paul Warburg si sedettero nella direzione della IG Farben, come fece HA Metz, direttore della Banca Warburg di Manhattan e poi della Chase Manhattan. Il direttore della Bank of Manhattan e membro del consiglio della Federal Reserve, CE Mitchell, sedeva nella direzione della filiale statunitense della IG Farben. Nel 1936 Avery Rockefeller si alleò con la famiglia tedesca Schroeder, i banchieri personali di Hitler. La rivista Time definì la nuova società Schroeder, Rockfeller & Companyil booster economico dell’Asse Roma-Berlino“. La Morgan Guaranty Trust e l’Union Banking Corporation (UBC) finanziarono i nazisti. Un membro del consiglio della UBC  era Prescott Bush, nonno di W.
Nel 1933 a casa del banchiere barone Kurt von Schroeder, venne siglato un accordo per portare Hitler al potere. Presenti alla riunione vi erano i fratelli John Foster e Allen Dulles, cugini dei Rockefeller e partner presso lo studio legale Sullivan & Cromwell, che rappresentava la Schroeder Bank. L’amministratore delegato della Schroeder era TC Tiarks, direttore della Banca d’Inghilterra controllata dai Rothschild. Nella primavera del 1934 il presidente della Banca d’Inghilterra Montagu Norman convocò una riunione di banchieri a Londra, dove decisero di finanziare segretamente Hitler. Il presidente della Royal Dutch/Shell Sir Henri Deterding supportò tale azione. Anche dopo che gli Stati Uniti entrarono in guerra con la Germania, il presidente della Exxon Walter Teagle rimase nel consiglio della IG Chemical degli Stati Uniti, controllata dalla IG Farben. La Exxon forniva ai nazisti il piombo tetraetile, un componente importante per i carburanti. Solo Exxon, Du Pont e GM l’avevano. Teagle rifornì del suo prodotto anche i giapponesi. Exxon e IG Farben erano talmente collegate, che nel 1942 Thurman Arnold, capo dell’Anti-Trust Division del Dipartimento della Giustizia degli USA produsse documenti che dimostravano che “la Standard e la Farben in Germania si sono letteralmente spartiti i mercati mondiali, stabilendo monopoli petroliferi e chimici in tutto il Mondo.”
Nel 1912 la vedova del magnate delle ferrovie Edward Harriman si unì a John D. Rockefeller nel finanziare un laboratorio di ricerca eugenetica di Cold Spring Harbor, NY. Nello stesso anno, il Primo Congresso Internazionale di eugenetica venne convocato a Londra, con Winston Churchill a presiederlo. Nel 1932 la conferenza si tenne a New York. L’Hamburg-Amerika Shipping Line, di proprietà di George Walker e Prescott Bush, vi portò il contingente tedesco. Un membro della delegazione tedesca era il dottor Ernst Rudin del Kaiser Wilhelm Institut di Berlino per la genealogia. Venne eletto all’unanimità presidente per il suo lavoro nella fondazione della Società Tedesca di Igiene Razziale, un precursore degli istituti razziali di Hitler.
Dal 1998 vi sono decine di cause pendenti contro Ford, Chase Manhattan, JP Morgan, Deutsche Bank, Allianz AG e diverse banche svizzere per i loro rapporti con i nazisti. Al centro della cerchia interna di Hitler vi erano la società segreta Germanordern (gemella agli Skull & Bones di Yale), la Società Thule e la Vril. I concetti di “Grandi Maestri”, “Adepti” e “Grande Fratellanza Bianca” che i nazisti usavano per giustificare la loro idea di superiorità ariana, erano vecchie idee portare fuori dalle scuole misteriche egiziane dai Cavalieri teutonici, dagli Illuminati e dai cabalisti ebraici. Gli stessi concetti si trovano nel movimento New Age di oggi; la rivista New Age è stata pubblicata dalla loggia massonica Grande Oriente di Washington, DC. Henry Kissinger ne è stato uno dei primi sostenitori.
Gli occultisti nazisti credevano che le antiche tribù tedesche erano le custodi di antichissimi misteri che avevano la loro origine in Atlantide, quando sette razze di uomini-divinità apparvero sulla Terra. Thule era un’Atlantide teutonica che i nazisti credevano ospitasse queste razze da tempo estinte, che avevano perso i loro poteri divini da Annunaki, incrociandosi con gli esseri umani. Nel nucleo interno della Società Thule vi erano satanisti che praticavano la magia nera. Hitler è stato una volta descritto come un “figlio dell’Illuminismo“. Secondo il dott. Walter Langer, che condusse in tempo di guerra una psicoanalisi di Hitler per conto dell’OSS, predecessore della CIA, Hitler era un Rothschild. Langer scoprì una relazione della polizia austriaca che dimostrava che il padre di Hitler era un figlio illegittimo di una cuoca di nome Maria Anna Schicklgruber, che al momento del suo concepimento era una serva, a Vienna, del barone Rothschild. Nel maggio 1941 Rudolf Hess venne paracadutato nella tenuta del duca di Hamilton, dicendo che una forza soprannaturale gli disse di negoziare con gli inglesi. Hitler che apparentemente sarebbe stato visitato da questa stessa apparizione, improvvisamente si scagliò con veemenza contro l’occultismo. Ordinò un giro di vite contro i massoni, i templari e la Società Teosofica. Improvvisamente la folla dei banchieri internazionali staccò la spina alle finanze di Hitler e cominciò a denunciarlo. Sei mesi dopo, l’esercito degli Stati Uniti partecipava alla seconda guerra mondiale. Il destino di Hitler non fu diverso di quello di Saddam Hussein o di Manuel Noriega.
Il modus operandi dei banchieri Illuminati è quello di utilizzare uomini dalla scarsa integrità per fare lo sporco lavoro per conto loro, prima di rigettarli e abbandonarli comodamente. L’orribile Olocausto che ne seguì assicurò simpatia al già programmato Stato di Israele. Verso la fine della seconda guerra mondiale, le famigerate Haganah e Banda Stern si schierarono con i banchieri Rothschild per terrorizzare i palestinesi e rubargli la terra. Gli ebrei che fuggirono dalle camere a gas di Hitler furono i mezzi acquisiti dal sionismo. A un costo di 1.000 dollari, molto denaro a quei tempi, questi esponenti di destra comprarono il viaggio per Israele e sfuggirono alla sorte degli ebrei poveri, dei serbi, dei comunisti e degli zingari. La sanguinosa vicenda fu un imponente progetto di eugenetica. Si trattava di ridurre la massa lungo linee di classe, come lungo quelle dell’etnia o della religione.
La chiave di questo enigma storico è capire perché i banchieri internazionali Rothschild/Rockefeller Sangreal sostennero sia l’ascesa del nazismo che la creazione di Israele. Niente di tutto questo ha a che fare con la religione. Il tutto ha a che fare con petrolio, armi, droga, denaro e potere. I Rothschild dicono di essere ebrei. I Rockefeller affermano di essere cristiani. Queste sono cortine  fumogene irrilevanti. Ogni demagogo, che incolpa l’ingiustizia di una religione o di una razza, è tristemente male informato. Nel corso della storia i satanisti Illuminati hanno sacrificato persone di ogni razza e religione per il loro programma di controllo totale del pianeta. Israele non è un “focolare ebraico”. Si tratta di un perno del monopolio sul petrolio. I suoi cittadini vengono danneggiati, in quanto sono utilizzati dai Quattro Cavalieri e dalle loro Otto Famiglie di proprietari come pedine geopolitiche nel furto delle risorse internazionali.
Nessuna soluzione pacifica è possibile fino a quando la terra rubata verrà restituita ai legittimi proprietari palestinesi. Israele è un’entità illegale. Viva la Palestina!
 

Fonte:
Traduzione: 
A. Lattanzio - Sito Aurora